Via libera alle assemblee e alle delibere per il superbonus110%

Come tutti ben sappiamo durante l’emergenza sanitaria sono stati vietati tutti gli assembramenti con conseguente sospensione delle assemblee condominiali.

In questa nuova fase che stiamo vivendo sono tornate ad essere consentite le riunioni di presenza. Il chiarimento arriva direttamente dalle FAQ aggiornate presenti presso il sito http://www.governo.it/it.

Infatti alla domanda “Possono svolgersi assemblee (ordinarie o straordinarie) condominiali, di società di capitali o di persone, ovvero di altre organizzazioni collettive?”

Viene fornita questa risposta:

“Le assemblee di qualunque tipo, condominiali o societarie, ovvero di ogni altra forma di organizzazione collettiva, possono svolgersi in ‘presenza fisica’ dei soggetti convocati, a condizione che siano organizzate in locali o spazi adeguati, eventualmente anche all’aperto, che assicurino il mantenimento continuativo della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro fra tutti i partecipanti, evitando dunque ogni forma di assembramento, nel rispetto delle norme sanitarie di contenimento della diffusione del contagio da Covid-19. Resta ferma la possibilità di svolgimento delle medesime assemblee da remoto, in quanto compatibile con le specifiche normative vigenti in materia di convocazioni e deliberazioni”.

Questa notizia è davvero molto gradita sopratutto considerando che per usufruire  Superbonus 110% previsto dal Decreto Rilancio è necessaria una delibera validamente assunta con il voto favorevole di almeno un terzo dei millesimi se la stessa avviene sulla base di una diagnosi energetica effettuata da un tecnico abilitato oppure con il voto favorevole di almeno 500 millesimi oltre alla maggioranza dei presenti se non c’è detta diagnosi preliminare.